.

mercoledì 15 aprile 2015

Recensione MAKA su LA BIBLIOTECA DEL LIBRAIO

Ringrazio Floriana per la bellissima recensione lasciata sul suo blog LA BIBLIOTECA DEL LIBRAIO







Questo romanzo è un insieme di generi, parti con il pensare che stai leggendo un distopico per poi giungere alla conclusione che all'interno c'è anche un pizzico di fantasy.
Un viaggio verso la speranza, quello che i nostri protagonisti intraprendono per la salvezza loro e del mondo.
Josephine, giovane, esuberante, vivace, non si lascia demoralizzare dagli eventi, la morte di sua nonna prima del terremoto, poi quella della sua migliore amica, Nicole, non ha più nulla che la leghi a quella terra divenuta ora solo un terreno desolato, privo di ogni vivere.
Jarod, forte, coraggioso, salva Josephine, sente di doverla proteggere, e il suo cuore sussulta, lui non può amare, non può provare dei sentimenti.
Liam, è la costante di questo trio, è la figura che svela i meandri di ciò che realmente sta accadendo, è il migliore amico di Jarod e diviene una sorta di fratello per Josephine.
Dopo aver scoperto cosa sta succedendo, Jarod decide di intraprendere una spedizione che mostri le intenzioni di un gruppo di uomini che ha deciso di dare vita a una comunità che sia completamente alle loro dipendenze, senza sentimenti, automi...

 Alla ricerca di un luogo misterioso, i nostri protagonisti si imbatteranno in un nuovo mondo, ma sarà realtà o solo fantasia?
Dolci colline, cascate con acque cristalline, fiori multicolore faranno da controparte a una terra arida e desolata, Maka è la speranza, la rinascita, un luogo sicuro, dove la vita è ferma e attende con speranza.

Un romanzo intrigante, che ti incuriosisce mano a mano che vai avanti, i riferimenti alla cultura Apache, il legame che Jarod ha con suo nonno e con suo padre, l'amore che prova per Jo, sono tutti elementi che rendono la lettura scorrevole, piacevole, chiara. Personaggi ben caratterizzati, paesaggi raccontati e che lasciano facilmente pensare a luoghi incantati, una libro che consiglio vivamente.




Nessun commento:

Posta un commento