.

venerdì 23 maggio 2014

Recensione a cura di Giulia delle Helas Maur

Ringrazio Giulia per la bellissima recensione rilasciata per l'Ordine del Triangolo Oscuro.



L’ordine del triangolo oscuro è il terzo romanzo dell’autrice ravennate Serena Versari, e si distacca dai precedenti per il genere. Angels e Il pozzo delle anime si potevano definire urban fantasy, nonostante i protagonisti non fossero i classici diciassettenni; L’ordine invece è un esoterico con una spruzzata di romance.
La Versari ci racconta la storia di Maya, una ragazzina di tredici anni che rischia la morte per mano di suo padre e che successivamente viene cresciuta in un convento da una zia che non sapeva neanche di avere.
Raggiunta la maggiore età va a lavorare in una cascina ad Arezzo e qui conosce Lucas, il figlio del proprietario, con cui nasce subito un’attrazione. Conosce anche Andrea, il migliore amico del ragazzo, che è uno studioso di esoterismo. Sarà proprio lui ad aiutare la protagonista nel percorso che la porterà a comprendere pienamente la portata del suo potere e a venire a capo del mistero che si cela nella sua vita.
Il padre di Maya infatti è ancora in agguato; scopriamo che è a capo di una setta, che è quella dà il titolo al romanzo, e che sfruttando il potere di Maya sta per mettere a rischio tutta l’umanità per scopi personali.
Questa parte della storia, che ci accompagna verso un finale apocalittico, è ambientata non a caso a Torino, città in cui convergono magia bianca e magia nera.
Non vi voglio rivelare il finale, vi anticipo solo che sarà uno scontro in piena regola tra Bene e Male.


Concludo confessando che adoro lo stile di Serena Versari, che è sempre curato ma mai ampolloso; credo che sia uno dei suoi punti di forza, così come il messaggio di speranza che ti resta dentro dopo aver letto ogni suo libro.



Nessun commento:

Posta un commento