.

mercoledì 7 agosto 2013

Recensione sul blog "Il rumore dei libri"

Recensione a cinque stelline più intervista di Lidia del blog "Il rumore dei libri" per "Il Pozzo delle Anime". Grazie di cuore per le bellissime parole!



Eccomi a recensire il secondo libro di Serena Versari “Il Pozzo delle Anime" il seguito del bellissimo “Angels”.
Abbiamo lasciato i nostri personaggi finalmente insieme, il nostro Angelo della morte Jason e la nostra Erika Angelo della vita. Il Re e la Regina degli angeli. Tornati nella loro amata montagna, iniziano a godersi il loro amore, un nuovo lavoro sempre appoggiati dall'amica inseparabile Ambra.
Ma come tutte le cose belle purtroppo finiscono, una nuova minaccia alita su di loro. Il gran Maestro ha bisogno di loro Il Signore Oscuro ha trovato un modo per uccidere la razza umana. Purtroppo solo Erika intraprenderà il viaggio per Il Pozzo delle Anime seguita dalla sua amica Ambra. Inizierà così una nuova pericolosa avventura che porterà la nostra amata protagonista in terre sconosciute piene di pericoli e avversità lontana dal suo amore.

Iniziò nel dire che amo tutti i personaggi, Erika in questo nuovo racconto dovrà imparare a gestire i suoi nuovi poteri, Jason cercherà di aiutarla, Ambra è sempre più forte e il gran Maestro più saggio. Le ambientazioni sono ancora più affascinanti e magiche. Molto sentimento come nel primo libro, amicizia amore odio. Un pizzico di suspance che non guasta. Lo stile dell’autrice mi piace, è semplice e fresco, scorrevole e piacevole.

Ho acquistato ebook a occhi chiusi e devo dire che è ancora più bello del primo, più maturo, piacevolmente diverso anche se è un proseguo. Serena è una delle mie autrici emergenti preferite, mi stupisce ogni volta, mi sono immaginata nei luoghi (che tra l’altro alcuni conosco molto bene) nei personaggi pagina dopo pagina. L'ho divorato e vi dico che ora ho ordinato il cartaceo perché voglio, anzi pretendo questo libro nella mia libreria.

Complimenti ancora una volta all'autrice per le emozioni che mi da e grazie per avermi ancora una volta trascinata emotivamente nei suoi bellissimi libri.






Oggi per la seconda intervista del mio blog, ho il piacere di intervista un’autrice, non che amica , emergente Serena Versari.


 1) Ciao Serena, innanzitutto, benvenuta e grazie per avere acconsentito di fare un’intervista con me. Sono veramente contenta di poter fare due chiacchiere con una delle autrici emergenti che preferisco. Parlateci un po’ di te. 
Ciao Lidia, sono io che ringrazio te per avermi ospitata nel tuo blog e grazie anche per i complimenti. Posso dirti che sono una gran sognatrice, e sono una persona che ama le cose semplici della vita e che si emoziona davanti allo spettacolo della natura. Ovviamente amo leggere e scrivere, ma anche “scorazzare” per le colline romagnole con la mia moto.

 2) Com’è nata la tua passione per la scrittura? E’ idea dei tuoi romanzi?
La prima volta che mi sono messa davanti al pc a scrivere, è stato proprio per la stesura di Angels nel 2009. Era un periodo difficile della mia vita, e scrivere, mi ha aiutata a scavare nella mia anima, e mi ha aiutata a capire tutto quello che mi rendeva infelice. Ho deciso di parlare di angeli, perché è un argomento che mi sta molto a cuore. Credo che ognuno di noi al suo fianco, ha un proprio angelo che lo protegge e che lo aiuta nei momenti di difficoltà.

  3) Di solito le ambientazioni degli urban fantasy sono la maggior parte, fatte in luoghi esteri (Londra, America ecc) tu invece hai usato in tutti e due i libri, ambientazioni nostre e di montagna. Perché? C’è una sorta di ispirazione?
Esatto. Amo la montagna, le sue acque limpide, il profumo di sottobosco, il verde dei prati, ma soprattutto le emozioni che mi trasmettono. Non ti nascondo che il mio sogno è proprio quello di trasferirmi nella valli in cui ho ambientato i miei romanzi.

 4) Per chi non conoscesse il primo capitolo “Angels” ti va parlarcene?
 Certamente, cercherò di fare un micro riassunto. Angels parla di una donna, Erika, che in seguito ad un tradimento, decide di lasciare la sua città natale, Rimini, per rifugiarsi nella natura di Canazei, un piccolo paese in val di Fassa. Qui incontrerà Jason, una guardia forestale del luogo, temuto da tutti per via dei suoi occhi neri come la pece. Erika, sarà sempre più attratta da questo uomo misterioso, che scoprirà solo in seguito essere un Angelo della Morte. Man mano che il sentimento fra i due aumenta, forze esterne tenteranno di dividerli, ma lei lotterà fino alla fine, anche grazie all’aiuto della sua nuova amica Ambra.

 5) Poco tempo fa è uscito il secondo capitolo intitolato “Il Pozzo delle Anime” puoi dare qualche anticipazioni?
 In questo secondo capitolo, ritroviamo Erika, Jason, Ambra e finalmente verrà svelato il volto del Signore Oscuro, insieme ad altri personaggi. Erika e Ambra, saranno costrette a intraprendere un lungo viaggio, pieno d’inside e pericoli, per far fronte alla minaccia del Signore Oscuro, che ha trovato il modo di annientare la razza umana. Il viaggio le condurrà alla Terra dove tutto Tace, in cui si trova Il Pozzo delle Anime.

 6) Perché proprio gli Angeli? Ammetto che io ne sono affascinata.
Come ho detto prima è una figura a cui sono molto legata e per me è stato naturale parlare di loro.

 7) Dei tuo personaggi a chi sei più affezionata? Io adoro Ambra.
 Io sono legata ad Erika, semplicemente perché mi rappresenta molto. Ha le mie stesse passioni: la montagna, le arti marziali, e non smette di lottare per quello in cui crede.

 8) Torniamo a te. so’ da fonti (cioè da te) che leggi molto. Hai qualche autore e libro preferito? Per chi non lo sa’ Serena è la mia suggeritrice di acquisti letterari.
Spero di suggerirti sempre per il meglio allora! Se devo essere sincera ultimamente leggo molto libri di autori esordienti, ma se devo citare nomi noti, mi piace molto Glenn Cooper, Paulo Coelho, Terry Goodking.

 9) Progetti futuri? (Io lo spero).
 Sì, sto scrivendo un thriller esoterico e un genere apocalittico con risvolti spirituali.

10) Concludo. Ti ringrazio di cuore per aver accettato di essere intervistata da me. Puoi dire a Jason che abito poco distante dal Tonale? A parte gli scherzi. Spero di ospitarti ancora nel mio piccolo mondo per ora ti dico un grosso GRAZIE. Per descrivere Serena vorrei usare una citazione : L'umiltà e la semplicità sono le due vere sorgenti della bellezza Johann Winckelmann (rubata dal suo profilo).
 Grazie a te Lidia, è stato un piacere. Però Jason me lo tengo io..ah ah ah.




2 commenti:

  1. Grazie è stato un piacere. Prima di tutto rinnovo i ringraziamenti per la tua disponibilità e poi un complimenti ai tuoi libri. Continua così

    RispondiElimina