.

giovedì 4 ottobre 2012

Intervista su "Vivere in un libro"



Eccomi qui con un'altra intervista per questa rubrica che dedica i post alle scrittrici e agli scrittori che mi hanno entusiasmato e che hanno accettato di rispondere a qualche domanda per la nostra curiosità di lettori, sempre alla ricerca di spunti e informazioni!

L'intervista di oggi vede protagonista Serena Versari autrice del libro "Angels" che io ho letto e recensito QUI.


Benvenuta Serena a Vivere in un Libro! Cominciamo subito, magari presentandoti ai lettori..
Ciao Saya, innanzitutto ti ringrazio per avermi ospitato nel tuo blog. La prima cosa che posso dirti di me, è che sono una gran sognatrice e sono una persona ottimista. Nella vita di tutti giorni faccio la ragioniera, un lavoro che mi tiene saldamente con i piedi per terra, ma preferisco di gran lunga fantasticare. Amo fare trekking e andare in moto.
E' stato un piacere sia leggere il tuo libro sia intervistarti!

Come mai hai iniziato a scrivere?
La prima cosa che ho scritto in assoluto è proprio “Angels” . Stavo affrontando un periodo particolare della mia vita e ho sentito il bisogno di mettere nero su bianco le mie sensazioni, emozioni. Mi sono subito resa conto che scrivere mi aiutava a sentirmi meglio, e da allora non riesco più a smettere.
Deve essere una bella sensazione, un pò la provo anche io quando scrivo qui nel mio blog..


Qual è il tuo libro preferito?
Non ce n’è uno in assoluto che prevarica sugli altri, ma fra i miei preferiti non può sicuramente mancare:
- Harry Potter di JK Rowling
- Il Signore degli anelli di JRR Tolkien
- La spada della verità di Terry Goodkind


La scelta dei luoghi in cui è ambientato il libro è dovuta alla tua conoscenza personale, vista la passione per le montagne?
Si. Quando sono andata la prima volta in Val di Fassa, ho avuto la sensazione di entrare in una fiaba e me ne sono innamorata subito.


Come mai hai scelto come soggetto della storia gli angeli?
Credendo negli angeli è stata la prima figura a cui ho pensato. Sono convinta che ognuno di noi abbia il suo angelo custode. Credo che ci proteggono e ci guidano nelle decisioni della nostra vita.
Sei molto dolce e ti dirò che credo anche io negli angeli custodi.

 

C’è un luogo in cui preferisci scrivere?
Non ho un luogo in particolare. Quando ho voglia di scrivere ogni luogo può diventare quello giusto, l’importante è che non ci sia nessuno nei paraggi ^.^

Hai creato un bel mix di personaggi. Quello che più mi ha colpito, per la sua particolarità, è Ambra l’amica di Erika. Ti sei ispirata a qualcuno per descriverla?
Un pochino si. Non dal punto di vista estetico, ma alcuni tratti del suo carattere, si avvicinano a quelli di una mia amica che considero come una sorella. E’ stata lei a farmi conoscere il Reiki, cosa che pratico anche io da tre anni.


Il viaggio che compiono le due ragazze mi ha ricordato molto Dante e la sua Divina Commedia, è stata una scelta davvero interessante! Come sei arrivata a questa decisione?
Sei la prima che lo ha notato. La Divina Commedia è un “fantasy” straordinario. Alle superiori me ne sono innamorata subito, soprattutto i canti dell’ Inferno per me sono stupendi.
Concordo con te! La Divina Commedia è incredibile!

 

Hai inserito tutti i tuoi interessi in questo libro, montagne, la motocicletta e le arti marziali. Erika allora potrebbe essere la tua proiezione?
Mi identifico quasi al 100% con Erika. Stessi gusti, stesso modo di vedere la vita, stessi sogni e speranze. Ho immaginato di lasciare tutto quello della mia vita che non mi piaceva, per ricominciare come avrei voluto…in realtà ci sto ancora lavorando ma alcune cose sono riuscita a cambiarle anche nella mia vita reale.

C’è qualcosa che cambieresti nel tuo libro?
Se potessi tornare indietro, probabilmente, approfondirei di più alcuni passaggi, che forse sono stati troppo veloci.

Progetti letterari futuri? Sequel o altri libri in mente?
Ho terminato il seguito di “Angels” che è già in mano all’editore. Nel seguito ci sarà un viaggio in altre terre sconosciute e si conoscerà il Signore Oscuro. Sto anche scrivendo un altro libro, sempre un paranormal, che non tratta di angeli, ma parla di una misteriosa setta e di una ragazza con dei poteri particolari.
Inutile dirti che li leggerò entrambi! Soprattutto ora che mi hai messo la pulce nell'orecchio!

Cosa consiglieresti a chi vuole iniziare a scrivere?
Se senti che scrivere ti fa stare meglio, e senti che questo bisogno nasce dal profondo del cuore, non esitare, ma asseconda questa esigenza.


Grazie mille Serena per il tuo tempo e per i tuoi preziosi consigli!
Dopo aver letto queste risposte ho capito molte cose sia di te che del tuo libro, non vedo l'ora di leggerne il seguito!

Spero vi sia piaciuta! Vi consiglio di leggere questo libro per scoprire paesaggi magnifici, donne in apparenza normali ma combattive e la vera natura degli angeli! Vi invito anche a visitare il blog dell'autrice http://serenaversari.blogspot.it/




Nessun commento:

Posta un commento